Brevi consigli evergreen per andare in montagna – di Erri de Luca

 

In montagna camminare lo sguardo fisso a terra, a dove poggiare il passo. Se si vuole guardare intorno il panorama, fermarsi. Non si sta nella zona pedonale di una città d’arte. Si sta da passanti su sentieri che rasentano precipizi.
In discesa fare passi corti: permettono di recuperare l’equilibrio in caso di scivolata. Il passo lungo comporta la caduta. Poggiare tutta la pianta del piede anticipando l’appoggio di tallone. La tenuta del passo sfrutta l’intera suola e aumenta l’aderenza.
Un adagio ingannevole dice che in discesa vanno pure i sassi. Certo, ma bisogna evitare di andare come loro, i sassi.
Fa bene imparare i nomi degli alberi del bosco che si sta attraversando. Distinguerli fa percepire il luogo con maggiore definizione. Lo stesso vale per i fiori, gli animali e i nomi delle montagne intorno. La geografia è parola greca che significa scrittura della terra. È bene percorrerla da lettori.
Non guardare quanto manca alla cima, al rifugio o al termine della tappa. Conta il passo seguente non il traguardo.
Ridurre al minimo il carico infilato nello zaino. Protezione dalla pioggia, dal freddo, il resto è zavorra. Una gita non è un trasloco. Informarsi sulle previsioni meteo, sapendo che si tratta di probabilità e non di oracoli.
Alcuni di questi accorgimenti si possono estendere al di là dell’escursione in montagna. ❤
𝐸𝑟𝑟𝑖 𝐷𝑒 𝐿𝑢𝑐𝑎 – 𝐴𝑐𝑐𝑜𝑟𝑔𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑎𝑙𝑝𝑒𝑠𝑡𝑟𝑖, 13 𝑙𝑢𝑔𝑙𝑖𝑜 2021

Source: In Valtellina

Call Now Button